Cosa sai dell'albero della vita?

Nei tempi moderni, troverai il simbolo dell'albero della vita su tutti i tipi di oggetti; è molto richiesto per i tatuaggi, ha un aspetto favoloso negli arazzi e crea un design eccellente per una collana o un ciondolo e altre forme di gioielleria. Eppure, per i Celti e varie culture antiche, l'albero della vita era un simbolo estremamente importante.

Il simbolismo dell'albero della vita ha una lunga storia, che abbraccia molte culture. Mentre sarebbe noioso spiegare il suo significato a tutte le culture, l'albero della vita ha temi e significati che trascendono molti popoli.

Come forse saprai, gli alberi erano una parte vitale della cultura celtica e nel loro mondo l'albero della vita (crann bethadh) era una rappresentazione di come le forze della natura si unissero per creare l'equilibrio e l'armonia.

Non c'è dubbio che le origini dell'albero della vita siano antecedenti ai Celti, poiché è un potente simbolo nell'antica mitologia egizia, tra gli altri. Diversi disegni sono associati a questo simbolo, ma la versione celtica risale almeno al 2000 aC Sculture di questo disegno sono state scoperte nel nord dell'Inghilterra durante l'età del bronzo. Ovviamente, anche questo precede i Celti di oltre 1.000 anni.

Sembrerebbe che i Celti abbiano adottato il loro simbolo dell'albero della vita da quello degli Scandinavi, i quali credevano che la fonte di tutta la vita sulla Terra fosse un frassino mondiale che chiamavano Yggdrasil. Nella tradizione norrena, l'albero della vita portava a nove mondi diversi, tra cui la terra del fuoco, il mondo dei morti (Hel) e la terra di Aesir (Asgard). Il nove era un numero importante nelle culture norrena e celtica.

L'albero della vita celtico differisce dalla sua controparte norrena nel suo design, che è piegato in rami e forma un cerchio con le radici dell'albero. Se guardi da vicino noterai che il modello è in realtà un cerchio con un albero all'interno.

SIGNIFICATO
Secondo gli antichi druidi celtici, l'albero della vita aveva poteri speciali. Quando hanno ripulito un'area di insediamento, hanno lasciato un solo albero al centro, noto come l'Albero della Vita. Forniva cibo, calore e riparo alle persone ed era anche un importante luogo di incontro per i membri di alto rango della tribù.

Poiché nutriva anche gli animali, si credeva che questo albero si prendesse cura di tutta la vita sulla Terra. I Celti credevano anche che ogni albero fosse l'antenato di un essere umano. Si dice che le tribù celtiche abitassero solo i luoghi in cui era presente un tale albero.

Nella guerra tra tribù, il più grande trionfo è stato quello di abbattere l'albero della vita dell'avversario. L'abbattimento dell'albero della propria tribù era considerato uno dei peggiori crimini che un celta potesse commettere.

SIMBOLISMO
Forse il principio centrale dell'Albero della Vita è l'idea che tutta la vita sulla Terra sia interconnessa. Una foresta è composta da un gran numero di singoli alberi; i rami di ciascuno sono interconnessi e uniscono la loro forza vitale per fornire l'habitat a migliaia di specie diverse di flora e fauna.

L'albero della vita simboleggia diverse cose nella tradizione celtica:

Poiché i Celti credevano che gli esseri umani provenissero dagli alberi, li consideravano non solo un essere vivente ma anche un essere magico. Gli alberi erano i guardiani della terra e servivano da porta d'accesso al mondo degli spiriti.
I mondi superiori e inferiori erano collegati dall'albero della vita. Ricorda che gran parte di un albero è sottoterra. Così, secondo i Celti, le radici dell'albero raggiungevano gli inferi mentre i rami crescevano verso il mondo superiore. Il tronco dell'albero collegava questi mondi alla Terra. Questa connessione ha anche permesso agli dei di comunicare con l'albero della vita.
L'albero simboleggiava forza, saggezza e longevità.
Rappresentava anche la rinascita. Gli alberi perdono le foglie in autunno, diventano dormienti in inverno, le foglie ricrescono in primavera e l'albero è pieno di vita in estate.


CONCLUSIONE

Oggi l'albero della vita è diventato uno dei simboli del tatuaggio più ricercati, rivaleggiando con il tanto amato simbolo tribale. La maggior parte delle persone nell'età moderna guarda gli alberi e non presta loro attenzione. Le cose erano molto diverse nei tempi antichi, quando la civiltà amava, rispettava e venerava gli alberi. Il significato e il simbolismo che i Celti attribuivano agli alberi ne è un perfetto esempio. Questi orgogliosi guerrieri li vedevano come portatori di vita magica che collegava tutti i mondi.

Torna al blog